martedì 4 luglio 2017

Paccheri al coccio

Il termine pacchero è impiegato anche con il significato di schiaffo, in alcune espressioni popolari:
Stare sotto al pacchero = stare sotto i comandi di qualcuno
 Dare un pacchero a mano smerza = dare uno schiaffo con il dorso della mano
nella lingua italiana come "pacca", ovvero uno schiaffo dato a mano aperta, senza intenzioni ostili. Da qui il nome del tipo di pasta, dalla taglia molto superiore alla norma, in genere accompagnato da sughi succulenti. I paccheri possono essere anche farciti con ricotta o altri ingredienti e serviti con il ragù.Molti credono che si beve solo vino bianco durante una pietanza di pese,invece non è così, vino rosso e pesce sono un connubio perfetto, consigliato anche  da molti sommelier e chef famosi!Io ho usato il PIEDIROSSO campano.

I  paccheri sono un tipo di pasta tradizionale napoletana aventi la forma di maccheroni giganti, generalmente realizzati con semola di grano duro.
Difficoltà minima
tempo30 minuti
Ingredienti per 3 persone:

    250 g di paccheri paccheri
    600g di cocci
    10 pomodorini datterini
    olio extravergine d’oliva
    mezzo bicchiere di vino bianco
    1 spicchio d’aglio
    1 peperoncino piccante
     prezzemolo tritato
    sale qb
Procedimento:
il coccio viene  rosolato  in padella con l’olio e l’aglio, si aggiunge un bicchiere di acqua poi si bagna  con un goccio di vino, si uniscono i pomodorini tagliati e si  cuoce per circa 20 minuti con un coperchio

Passato il tempo, si aggiunge il sale, si spegne il fuoco e si tolgono i cocci dalla padella, si spolpano facendo attenzione a togliere bene  le spine,si tengono da parte

Nel frattempo si fa bollire la pentola con l'acqua per la pasta,intanto aggiungiamo nella padella la polpa del pesce e mantechiamo il tutto. Si calano i paccheri nell'acqua che bolle mettiamo il sale e a metà cottura si scolano prendendo un pò di acqua della pentola e si versano nella padella. Si fa cuocere per l'altra metà di minuti e a fuoco spento si mette  una bella manciata di prezzemolo tritato  e si serve ben  caldo.